#Download Kindle õ Awakenings ⚶ eBook or E-pub free

Una barbaridad de libro.Sacks nos narra de forma magistral las vivencias en el hospital Monte Carmelo, de Nueva York, de una serie de pacientes que sufren de una enfermedad que fue epid mica la encefalitis letargica o enfermedad del sue o La epidemia tuvo lugar en los a os veinte.El libro se mete en los casos cl nicos de cada uno de los pacientes y su posterior respuesta a la L dopa La forma de aproximarse a ellos por parte del autor es dram tica y compasiva, y uno logra hacer empat a con muchos de los pacientes, por lo menos a m se me hizo m s f cil, ya que convivo con una enfermedad neurodegenerativa.Me gust mucho el autor, y no puedo esperar para ver la pel cula de mismo nombre cuyos protagonistas son Robert De Niro y Robin Williams Y obviamente, leer mucho m s de lo que escribi en vida. The story is thrilling the sleepy sickness epidemic that followed WWI left many people with profound Parkinsonian symptoms some were hardly able to move, never spoke, seemed frozen in time for forty years A large number of these patients were under Sacks care at Mount Carmel hopital in New York in 1969 when he decided to try giving them the new drug L DOPA, and witnessed many of them coming suddenly, vividly to life But this blurb summary is a gross simplification Sacks is at pains even in the introductions to point out that L DOPA is extremely unpredictable, producing different effects even in the same patient, and always leads to some tribulations Also, the case studies that form the dramatic heart of the book were less fascinating to me than Sacks writing around them In a way, the case studies are richly personal Sacks insists again and again on treating patients as people, that nothing can be reduced to anything and that if we do not listen to our patients we will never learn anything However, the clinical detail is extensive and given in terminology that takes time to get used to When Sacks reflects on their implications, in contrast, he writes in expansive, lucid prose, linking the mysteries of Parkinsonism to quantum mechanics and to lyrical, existential poetry.This is a wonderful book for writers, because, as often in Sacks work, it goes to the heart of what forms character, identity, personality When he asserts that style is the deepest thing in one s being , I am struck by the resonance with some of the most thought provoking philosophy and criticism I have read The succinct expression here is powerful, and it is fleshed out by meditations on the notion of health as musicality and free flow, of being as moving, which the phantasmagoria of Parkinsonism most graphically disrupts and distorts.A section on stage and screen interpretations of the original work is included Sacks, initially concerned that any adaptation would be unreal was delighted by Pinter s response A Kind of Alaska I felt Pinter had given me as much as I gave him I had given him a reality and he had given me one back Ultimately, Sacks eloquently calls for an existential medicine Over and over he emphasises how deeply affected patients are by their effective imprisonment in a Total Institution and describes how they respond to music, visitors, trips out, as well as to the physical and care environment, in extraordinary and radical ways Awakenings allows us to glimpse deep truths about health and disease, and their integrity with personhood, that should transform the ways we think about them. #Download Kindle á Awakenings ⚤ Awakenings Which Inspired The Major Motion Picture Is The Remarkable Story Of A Group Of Patients Who Contracted Sleeping Sickness During The Great Epidemic Just After World War I Frozen For Decades In A Trance Like State, These Men And Women Were Given Up As Hopeless Until , When Dr Oliver Sacks Gave Them The Then New Drug L DOPA, Which Had An Astonishing, Explosive, Awakening Effect Dr Sacks Recounts The Moving Case Histories Of His Patients, Their Lives, And The Extraordinary Transformations Which Went With Their Reintroduction To A Changed World 4,5Este livro traz nos a experi ncia nica e real de um neurologista Dr Oliver Sacks que consegue acordar temporariamente alguns pacientes de um estado de letargia profunda, no final da d cada de 60, com a revolucion ria L Dopa uma obra de particular interesse para qualquer um que se interesse pela rea das neuroci ncias mas que lida com temas profundamente humanos, pela tica humilde de Oliver Sacks, que deixa o complexo de deus t o t pico de m dico escritor de lado e encara a experi ncia como uma aprendizagem n o s cient fica mas principalmente humanit ria, com as diferentes rela es que cada paciente estabelece n o apenas com o m dico mas com a terap utica e a doen a.Foi um livro que me deixou com vontade de ler toda a bibliografia do autor al m de com um interesse redobrado na rea da neurologia eque aconselho a qualquer interessado mesmo sem grandes conhecimentos m dicos, h notas informativas que explicam o necess rio.A nica coisa que mudaria a organiza o do livro, mas suponho que seja uma quest o com a edi o do mesmo. Eh, this book was somewhat of a let down I thought There is a marvelous story here, but this book couldn t decide if it wanted to be a clinical write up of these patients, or appeal to the masses It tried to walk the line between the two and failed Just as I would get into the story about a patient, a bunch of medical terms about their condition would pop up, I d have NO clue what they meant, and the enchantment would end Three stars for the effort, and because the substance is pretty amazing. Simply astonishing My first experience with Oliver Sachs, long before any movie Stumbled across it while browsing a tiny one room library located in the charming community of Vankleek Hill, Ontario where I lived at the time, and immediately became absorbed by the history of the so called Spanish flu, its effects and the incredible results produced by Sachs medical intervention Not least affecting was the eloquence with which Sachs wrote about the patients in his care, provoking intense feelings of empathy and compassion for the patients Everyone should read this in order to experience the same profound awakening I have, I thought at the time Then came the movie As much as I respect Penny Marshall s directing abilities and enjoy some of Robin Williams work, the movie has to be one of the biggest disappointments of all time, in my book. Si tratta di un libro estremamente complesso e affascinante Il dottor Oliver Sacks fa un resoconto dettagliato della sua esperienza con un gruppo di pazienti malati di parkinsonismo post encefalitico Negli anni 20 una malattia misteriosa e tremendamente invalidante l encefalite letargica colp parecchie persone a livello epidemico sebbene all apparenza i sopravvissuti risultassero guariti, dopo un certo periodo cadevano in uno stato di trance che li portava ad una totale immobilit Venne rilevato che la sindrome presentava aspetti simili al morbo di Parkinson e pertanto si tent una cura sperimentale con un farmaco usato appunto per il Parkinson la L Dopa, usata per stabilizzare i livelli di dopamina nel cervello dei pazienti affetti dal morbo.I risultati furono interessanti e in un certo senso miracolosi molte persone trasformate in statue dall encefalite si risvegliarono, tentando di riappropriarsi del tempo e della vita che la malattia aveva loro sottratto.Il libro diviso in due parti la prima clinica , una serie di rapporti su sintomi, attese, cause ed effetti la seconda umana , e qui Sacks si mostra un medico diverso dalla comune accezione a cui probabilmente siamo abituati Sacks avverte la deficienza di un linguaggio quello scientifico che tende a sottrarre importanza alla singola persona a favore della casistica puramente matematica I pazienti sono chiamati cos perch hanno pazienza, perch sono esseri umani, e la loro condizione merita di essere analizzata soprattutto alla luce di questa consapevolezza E qui diventano interessanti le considerazioni sulla natura umana della sindrome post encefalitica messo in questione il rapporto della persona con la realt che la circonda, il senso di impotenza nei confronti di un mondo col quale i dormienti risvegliati tentano di avere nuovamente a che fare Mi hanno colpito molto le parole riportate da Sacks di alcuni pazienti, che, oltre al blocco del proprio corpo, avvertivano la sensazione di sentirsi ingabbiati perfino nel pensiero Il non pensare a niente, il non sentire alcun accadimento attorno a s , la presenza del vuoto, la totale assenza di coinvolgimento emotivo oltre che fisico sono le questioni su cui Sacks insiste parecchio perch sono in ultimo quelle che ci riguardano non solo come casi clinici ma soprattutto ci coinvolgono come persone Risvegli una lettura drammatica, difficile, ma anche educativa E un libro che ci insegna a guardare le cose da una prospettiva diversa Ve lo consiglio Tutti affascinanti i libri di Oliver Sacks, tutti ricchi di umanit , mistero, dolore, intelligenza, speranza Mi piacerebbe conoscerlo di persona. Della scienza romantica Pi che quattro, sarebbero tre stelle e mezza Come sempre, in caso di non fiction, doveroso precisare il giudizio si riferisce alla godibilit , alla fruibilit dell opera letteraria, e non certo alla persona dell autore, o ancor meno all esperienza e ai concetti che lui intende trasmettere, perch allora le stelle da assegnare sarebbero ben pi di cinque Questo il libro da cui stato tratto il celebre film con Robin Williams e Robert De Niro Come sempre, nel libro c molto pi che nel film, un opera complessa che esula da qualsiasi genere Lo stesso autore sottolinea pi volte, nelle prefazioni, come il suo lavoro si trovi al punto di incrocio fra Biologia e Biografia Attraverso di loro i pazienti io indagavo ci che significa essere umani, e rimanere umani, di fronte ad avversit e minacce inimmaginabili Quindi, pur continuando a controllare la loro natura organica le loro fisiopatologie e biologie complesse e sempre mutevoli , l oggetto e il motivo centrale dei miei studi divennero le loro identit e la loro lotta per mantenere un identit osservare questa lotta, aiutarla e infine descriverla In verit , quella che doveva essere forse la premessa fondamentale, viene data un po per scontata il fatto di iniziare a curare le sindromi postencefalitiche con il farmaco denominato L dopa ha evidentemente tutta una storia alle spalle, una storia che qui viene per sbrigata in poche pagine per passare direttamente all analisi degli effetti concreti del farmaco sui singoli pazienti Del resto, lo stesso Sacks a confidare nelle premesse che il libro sarebbe stato scritto ugualmente anche se non ci fosse stato nessun risveglio in nessun paziente dice che lo avrebbe intitolato Il popolo dell abisso o Cinquante ans de sommeil per fare il resoconto dell immobilit e del buio di tutte quelle vite fermate e congelate Pi volte egli si meraviglia di come essi abbiano potuto sopravvivere a un tale martirio, attingendo a riserve di forza dalla profondit sconosciuta e insondabile, e riflettendo in generale sul fatto che la salute ha radici pi profonde della malattia Lettura non scorrevole e non facile, sia per la quantit di note e riferimenti che bisogna sempre andare a ritrovare nell appendice, sia perch le descrizioni dei casi clinici sono veramente dettagliate, e la quantit di termini tecnici arriva a tratti a formare delle vere e proprie raffiche Ma la pacatezza del tono e la bont della scrittura e la profonda umanit di questo medico che come prima cosa si propone di ascoltare il suo paziente e considerarlo come un essere umano anzich come un oggetto, tutto questo non viene mai meno, neanche per un secondo Egli pone sempre l accento sulla dignit del paziente, la sua allegria o malinconia, le sue aspettative, ascolta i loro racconti e riporta i loro diari, pone attenzione anche all atmosfera spesso cupa e chiusa del cronicario e agli sforzi suoi e di buona parte del personale per cercare di renderla pi familiare e solidale Ed cos che, passando un po sopra i tecnicismi pi complessi, ci si addentra con semplicit in queste storie fatte di sofferenza e solitudine una serie di storie, di venti pazienti, esposte una ad una e che costituiscono il cuore di quest opera E la parte specialissima di questo cuore, senza dubbio la storia del paziente Leonard, che non a caso divenuto il protagonista del film Questa combinazione di un gravissimo stato di malattia e di un acutissima intelligenza analitica faceva del signor L un paziente per cos dire ideale nei sei anni e mezzo dacch lo conosco mi ha insegnato pi cose lui sul parkinsonismo, sulla malattia postencefalitica, sulla sofferenza e sulla natura umana che non tutto il resto dei miei pazienti messi insieme Ma nelle corpose prefazioni e postfazioni non mancano le riflessioni sul morbo di Parkinson pi in generale, la psicologia, la neurologia e la neurochimica, e ancora pi in grande sulla medicina tutta e sulla farmacologia, e poi ancor pi in grande, con ricchezza di citazioni e riferimenti che denotano la persona colta, fino a suggerire analisi di tipo relativistico e quantico, filosofico e metafisico e questo cos vero che mi meraviglia che la relativit e la teoria dei quanti non siano state scoperte dai biologi molto prima che dai fisici Tutti questi stati di anacronismo, cos come altre stranezze temporali descritte in questo libro, indicano quanto sia profondo l abisso fra l astratto e il reale, il cronologico e l ontologico, nel nostro modo di concepire e percepire il tempo In quell attimo mi fu subito chiaro che il parkinsonismo non pu essere considerato come qualcosa che aumenta o diminuisce per quantit finite Di colpo compresi che il parkinsonismo era una propensione, una tendenza, che non aveva un minimo o un massimo, n unit finite che esso era anumerico che dal primo, infinitesimale accenno esso poteva procedere, attraverso una infinita moltitudine di incrementi infinitesimali, fino a raggiungere una gravit infinita, e poi pi infinita, e poi ancora pi infinita Cos , il pi piccolo accenno di parkinsonismo o di emicrania, o di angoscia, o di estasi prefigura il tutto, ha gi , in miniatura, la qualit del tutto, il punto di partenza di un espansione potenzialmente infinta Si pu soltanto dire che in larga maggioranza i sopravvissuti scesero irrevocabilmente, cerchio dopo cerchio, nel baratro di una malattia sempre pi profonda, senza speranza, vittime di una solitudine inimmaginabile, e di tutto, proprio la solitudine era forse la cosa pi insopportabile Come la malattia la peggiore afflizione, cos la peggiore afflizione della malattia la solitudine La solitudine un tormento non comminato neppure nell inferno J Donne Oltre alla meraviglia nello scoprire le storie dei suoi pazienti, e all interesse nel leggere le riflessioni di Sacks stesso un uomo che ammette, per sua storia, di essere mezzo medico e mezzo artista e di avere unito le due cose nella sua esperienza personale resta il rammarico nel rendersi conto che, per la maggioranza dei medici, l esercizio della medicina resta niente altro che quella faccenda meramente meccanicistica cos ben spiegata e deplorata dall autore di queste pagine Il gran pregio di questo libro proprio di insegnare ad analizzare i problemi guardandone le due facce da un lato quella meccanica, che si pu sterilizzare e isolare dal resto del mondo e dall altro lato quella che non si pu misurare in numeri o indici ma solo in sensazioni e sentimenti Nell analisi di entrambe, Sacks sa sempre mantenersi estremamente concreto e rigorosamente scientifico Tutto il mio libro si occupa di queste domande come stai , come va Il dialogo su come uno sta pu essere espresso solo in termini umani, in termini familiari, che vengono facilmente e naturalmente a tutti noi e pu svolgersi solo se vi un confronto umano diretto, una relazione io tu , fra il mondo di discorso dei medici e quello dei malati Salute, malattie e reazioni non possono essere capite in vitro da sole possono essere capite solo se riferite a noi, quali espressioni della nostra natura, del nostro vivere, del nostro esser ci E tuttavia la medicina moderna, in misura sempre maggiore, prescinde dalla nostra esistenza, o col ridurci a repliche identiche che reagiscono a stimoli prefissati in modi altrettanto prefissati, o col considerare le nostre malattie semplicemente come fenomeni estranei e cattivi, senza relazione organica con la persona malata Il corrispondente terapeutico di idee del genere, naturalmente, l idea che si debba aggredire la malattia con tutte le armi di cui si dispone, e che si possa sferrare l attacco del tutto impunemente, senza un solo pensiero per la persona che malata Tali concezioni, che dominano sempre pi l intero panorama medico, sono tanto mistiche e manichee quanto sono meccaniche e inumane, e sono tanto pi perniciose in quanto non sono realmente capite ed esplicitamente dichiarate e confessate bisogna smettere di considerare tutti i pazienti come copie conformi, e onorare ciascuno di loro con un attenzione individuale, attenzione a come sta lui, singolarmente, alle sue personali reazioni e propensioni in questo modo, avendo il paziente come proprio uguale, compagno di esplorazione e non marionetta, si possono trovare vie terapeutiche che sono migliori di altre, tattiche che si possono modificare secondo le esigenze della situazione Dato uno spazio di azione politica non pi semplice o convergente, l intuito l unica guida sicura e in questo il paziente pu benissimo superare il suo medico Senza loro desiderio n colpa, questi pazienti si trovano a esplorare gli abissi e le possibilit estreme dell essere e della sofferenza umani Le loro non cercate crocifissioni non sono senza frutto, se consentono di aiutare o illuminare altri, se ci portano a una maggior comprensione della natura dell afflizione, dell attenzione avole e della cura strettamente medica Ci che vediamo , in definitiva, l assoluta insufficienza della medicina meccanicistica, la totale inadeguatezza di una visione meccanicistica del mondo Questi malati sono smentite viventi al pensiero meccanicistico, cos come sono esempi viventi di un pensiero biologico Ci ricordano che siamo sovrasviluppati in fatto di competenza meccanica, ma manchiamo di intelligenza, intuizione, consapevolezza biologiche ed questo, soprattutto, che dobbiamo riguadagnare, non solamente la medicina, ma nella scienza in generale e la particolare gioia che ho provato lavorando con i miei postencefalitici negli ultimi quindici anni stata la fusione degli approfondimenti scientifici con quelli romantici , la scoperta che la mia mente e il mio cuore erano parimenti esercitati e coinvolti, il sapere che qualsiasi altra cosa sarebbe stata un abbandono di entrambi. Reading this makes me wish all doctors approached medical practice the way Dr Sacks does His clinical grasp of neurology is impressive, but his humanity, compassion, and philosophical approach lend him a effective manner than other clinicians His ability to present the conditions of his patients and their treatment as than either or, as than a list of data points, is what makes this book a classic A basic familiarity with neurology makes this an easier read he uses a lot of medical terms to describe symptoms and treatments However, he goes beyond symptoms to see how the patients in his care interact with their disease, treatment, and environment as unique individuals Science in general and medicine in particular have been on a decades long reductionist trend as though all conditions can be boiled down to the one gene, the one protein, the one chemical that will take care of it all In reality, life is too complex for that to work most of the time Dr Sack s ability to approach patients as whole, unique beings full of life is the key to his popularity as a physician and writer.